FANDOM


Gli Dei della Distruzione dei dodici universi (12じゅうに宇宙うちゅう破壊神はかいしん, Jū Ni Uchū no Hakaishin) è il ventottesimo capitolo del manga di Dragon Ball Super.

Trama

Beerus è in preda al panico in seguito alla partenza di Goku verso il Palazzo di Zeno e si chiede come abbia fatto ad incontrarsi e gli viene ricordato che è stato a causa del torneo indetto con Champa.

Intanto, i due Zeno giocano ad una versione di scacchi con pedine i dodici Universi. Allora si rendono conto che ce ne sono troppi. Il Gran Sacerdote afferma che i primi due universi in termini di sviluppo sono il Primo e il Dodicesimo e che il livello degli altri è leggermente sceso. I Re del Tutto decidono di risparmiare solo quattro universi. All'improvviso arriva Goku che ricorda ai due del Torneo tra gli Universi. Zeno ne approfitta come occasione per eliminare gli Universi (senza dire nulla al Saiyan) e acconsente lo svolgere del Torneo. Il Gran Sacerdote, per dare il tempo agli Universi di prepararsi, decide che si terrà tra 5 tiks, equivalenti a 40 ore terrestri e si mette in comunicazione con gli altri angeli. Rumsshi, Dio della Distruzione del Decimo Universo, teme di essere stato convocato per subire la punizione per il caso di Zamasu. Korn, angelo, chiede scusa visto che il Kaiohshin dell'Ottavo Universo, deve utilizzare il bagno.

Il Gran Sacerdote chiama le divinità pronte. Alcune si stupiscono per la presenza di due Zeno. Champa si infuria con il gemello per la presenza di Goku al cospetto del Re del Tutto. Il Gran Sacerdote chiede chi sia, il mortale che Lord Belmod, Dio della Distruzione del Universo 11, ha portato con sé. Belmod rivela che pianifica ritirarsi e che Toppo, questo il nome del mortale, sta venendo allenato per succederlo. Korn comunica al padre di essere pronti e appare sulla scena assieme a Liquiir e Ill, dell'Universo 8.

Zeno allora annuncia che alle ore 157 del 3.135.500.603 giorno si terrà il Torneo del Potere che coinvolgerà tutti gli universi. Lo Zeno proveniente dal futuro non comprende e viene indetto un Torneo di Esibizione, nel quale si affronteranno gli Dei della Distruzione.

Gli altri Dei della Distruzione scoprono che è tutta colpa di un mortale dell'universo di Beerus e allora decidono di scagliarsi su di lui per primo. Precedentemente, sempre a causa di Beerus, gli Universi rischiarono di essere cancellati, visto che Beerus si era addormentò durante una partita di nascondino per cinquant'anni e Zeno si arrabbiò molto. Il Dio della Distruzione dell'Universo 7 evita i colpi degli avversari, fino a venire catturato da Mosco. Riesce però a liberarsi e a far colpire quest'ultimo. Usando come esca suo fratello, attira tutti gli avversari in alto e lancia contro di loro una grande sfera di energia. Questi vengono però protetti dalla barriera di Sidra. Infine però, Belmod apre la vera e propria battle royale.

Apparizioni

Personaggi

Luoghi

Tecniche

Battaglie

  • Beerus vs. Iwne vs. Belmod vs. Helles vs. Geene vs. Liquiir vs. Mosco vs. Quitela vs. Champa vs. Rumsshi vs. Arack vs. Sidra



Riferimenti

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.