Dragon Ball Wiki Italia
Advertisement
Dragon Ball Wiki Italia

La Foresta di Sud Ovest (南西の森 Nansei no mori) è un'area situata a nord del Palazzo di Baba. Qui è dove Babidy nasconde la sua astronave quando arriva sulla Terra.

Panoramica[]

Foresta di Sus Ovest - Astronave di Babidi

La sommità dell'astronave di Babidi che fuoriesce dal terreno

Kaioshin e i Guerrieri Z trovano questo luogo seguendo Yamu e Spopovich dal 25 ° Torneo Tenkaichi. I due scagnozzi vengono uccisi da Babidi e Puipui dopo aver consegnato l'Assorbitore di Energia, e poi Darbula uccide Kibith e trasforma Crilin e Piccolo in pietre.

I rimanenti Guerrieri Z e Kaioshin quindi entrano nell'astronave, e dopo diverse battaglie, Majin Bu è finalmente liberato dal suo imprigionamento. Il Majin sconfigge facilmente Son Gohan e Kaioshin, e Crilin e Piccolo tornano alla normalità quando questi uccide Darbula. Dopo di che, Majin Vegeta affronta Bu e si sacrifica nel tentativo di uccidere il mostro rosa, ma Bu purtroppo è in grado di rigenerarsi.

Dopo le battaglie, i Guerrieri Z sopravvissuti si recano al Tempio di Dio, e Kibith rinato porta i feriti Kaioshin e Gohan al Sacro Mondo del Kai. Dopo essersi allenato sul pianeta dei Kaioshin, Kibith riporta Son Gohan nella foresta per la battaglia contro Super Bu.

Apparizioni nei videogiochi[]

Buu's Fury - astronave di Babidi

La Foresta di Sud Ovest con l'astronave di Babidi in Buu's Fury.

La Foresta del Sud Ovest viene menzionata in Dragon Ball Z: Buu's Fury. I nemici che si incontrano qui sono Guerrieri Majin, Soldati Majin e Red Destroyers (distruttori rossi), così come anche degli Zombie più avanti nel gioco. Un uomo in questa foresta racconta un segreto su Yajirobei; camminando in senso antiorario intorno a Yajirobei per tre volte appare l'Oggetto # 12 dei Guerrieri Z, la Spada di Yajirobei, vicino a quest'uomo. Successivamente, Kibith riporta Son Gohan in questa foresta dopo essersi allenato nel Sacro Mondo dei Kaioshin.

È uno scenario di battaglia chiamato Grasslands in Dragon Ball Z: Super Butōden 3.

Galleria[]


Riferimenti[]

Advertisement