FANDOM


Addio, Iamko! (ヤムチャ死す! 恐るべきサイバイマン, Yamucha shisu! Osorubeki Saibaiman) è il ventitreesimo episodio di Dragon Ball Z e della Saga dei Saiyan. Venne trasmesso la prima volta in Giappone il 18 ottobre 1989. È stato trasmesso in Italia il 2000.

Trama

Piccolo vs. Saibamen

Piccolo contro i Saibaimen

I sei Saibaimen fatti crescere da Nappa e Vegeta attaccano Gohan, Crilin e Piccolo. Gohan rimane a guardare spaventato, mentre i suoi due compagni si occupano di quattro di loro contemporaneamente. Un Saibaman colpisce Gohan, che, sotto ordine del suo maestro, si decide a combattere seriamente. Ma prima che si possa continuare il combattimento, arrivano Tenshinhan e Jiaozi ad aiutare Gohan, Piccolo e Crilin in battaglia.

I Saibaimen si preparano ad attaccare una seconda volta, venendo interrotti prima da Yamcha, anche lui venuto in soccorso dei suoi amici. Con sei terrestri che combattono contro sei Saibamen, i saiyan propongono una competizione a uno contro uno, per non occuparsi loro dei sei. Il primo umano che si offre nel combattimento è Tenshinhan. Il combattimento comincia con un Kikoho, e, il saibaman, per difesa, spruzza acido dal cranio; per poi ricevere una gomitata dall'avversario, che lo stende.

Yamcha morte Saibaman

Yamcha ucciso dall'esplosione

Vegeta, deluso dalla sconfitta, lo fa esplodere. Come secondo combattente, si offre Crilin, ma Yamcha insiste per andare lui, poiché Crilin non può essere riportato in vita una seconda volta. Il combattimento, molto veloce, si conclude con la vittoria del terrestre, che travolge il Saibaiman con una Kamehameha. Yamcha rimane soddisfatto, ma abbassa la guardia, e viene attaccato dal saibaiman. Quest'ultimo lo stringe a sé, e si autodistrugge, portando alla morte anche l'umano. La morte di Yamcha scatena la furia di Crilin, che si prepara al combattimento.

Eventi importanti

  • Yamcha muore per via di un Saibaiman

Battaglie

  • Piccolo e Crilin vs. Saibamen
  • Tenshinhan vs. Saibaman
  • Yamcha vs. Saibaiman
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.